Perché

A me piace leggere, scrivere e correre. Ultimamente riesco a scrivere solo racconti o considerazioni legate alla corsa. E cerco di scovare racconti o romanzi legati in qualche modo alla corsa. E, appena posso, corro. Speriamo non sia grave.

domenica 20 maggio 2012

Una digressione: A proposito di nuoto e poesia.


In un post passato (Questione di Poesia (o meglio di Poetica)) avevo anticipato che mi sarei soffermato sulla piscina e uno sui file excel. Poi non ne ho fatto di nulla. 
Mi è tornato in mente rileggendolo per caso stamattina. Chiudevo sottolineando: "Possibilmente in modo poetico, s'intende.
Sì, perché in termini tecnici è semplice: cross-training. Alterno il nuoto alla corsa in modo da rilassare e massaggiare le gambe (con l’aggiunta di stretching di tanto in tanto quando mi riposo) e esercitare anche il resto del corpo.
In termini poetici, invece, la faccenda può dare origine a risultati più complessi. E a pensarci  bene proprio sul nuoto io ci avevo già scritto un breve racconto in cui si intrecciano tre livelli di narrazione.
Con la corsa ha poco a che vedere ma a me il racconto continua a piacere. 
Sono poche paginette. Fate voi.




1 commento:

  1. corrinuotatore21 maggio 2012 11:32

    E via con il nuoto libero s'intende. Com'è vedere le mattonelline azzurre. E' come vedere il tartan rosso. Fai qualche ripetuta e il nuoto non è più libero. Poi ci prendi passione e via una vasva dietro l'altra. Io ho cominciato quando avevo dolore ai piedi per la corsa e non mi son fermato più.

    RispondiElimina